venerdì 23 dicembre 2016

lunedì 19 dicembre 2016

Tessitura in Oman

Durante il mio viaggio in Oman non ho avuto molte occasioni di vedere lavori di tessitura. In Oman non si producono tappeti annodati, e non è in genere molto diffusa la produzione artigianale. 
Il lavoro artigianale è riservato alla realizzazione di oggetti per l'uso quotidiano e non per la vendita, se non in rari casi.
Soprattutto le popolazioni delle montagne e del deserto continuano a praticare la tessitura, ma per il resto il Paese è talmente proiettato verso il futuro da aver finito col tralasciare molte attività tradizionali.
Il governo dell'attuale sultano Qaboos è però abbastanza lungimirante da voler tutelare a conservare il sapere tradizionale, per cui vi sono lavori accademici e testi molto approfonditi che indagano la storia dell'artigianato omanita alla ricerca di nuove possibilità per far sì che continuare a coltivarlo possa anche essere remunerativo.
Qui si trova un lavoro accademico (in inglese) sulla storia e le prospettive della tessitura in Oman:

martedì 13 dicembre 2016

Viaggio in Oman

Qualche ricordo visivo del recente viaggio in Oman.
Antico villaggio con case di fango tradizionali
Il deserto di Sharqiya
il mercato del venerdì a Nizwa: capre e spezie...


Tappeti beduini
Tappeti beduini nella zona di Jebel Shams
Sicuramente l'Oman è una terra affascinante, dove ancora si possono incontrare aspetti tradizionali della vita omanita, come il vivacissimo mercato di Nizwa o le tende dei beduini nel deserto. E' anche un paese che sta crescendo velocemente, con nuove costruzioni e nuove strade che rendono più facile percorrerlo e visitarlo, ma che sicuramente porteranno ulteriori cambiamenti. Le case tradizionali, ad esempio, non sono più abitate e sarebbe bello se si potesse preservarle, visto il materiale fragile di cui sono fatte.
Il deserto è un luogo magico, ma la sorpresa più grande sono le bellissime montagne, anche molto alte, con paesaggi e canyon davvero mozzafiato!
Ho avuto il privilegio di fare questo viaggio accompagnata da un'amica archeologa che si è trasferita a lavorare come guida in Oman, e sicuramente è stata un'esperienza unica!